News locali

Giornata mondiale del malato

In occasione della XXVII Giornata mondiale del malato, lunedì 11 febbraio si svolgerà la celebrazione diocesana, a cura dell’ufficio diocesano per la Pastorale della Salute, diretto da don Michael Romero, presso la clinica Villa Silvana in Viale Europa, 1/3, ad Aprilia.
Sarà la Chiesa di Albano a recarsi presso chi è nella sofferenza, con l’intento che questa sia una occasione di speranza, preghiera e, semplicemente, uno stare insieme nella gioia.
La “Giornata”, sul tema “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date” scelto da papa Francesco per il suo Messaggio, inizierà con la Messa presieduta dal vescovo Marcello Semeraro alle 16 e, in seguito, saranno presentati i pazienti della Rsa (Residenza sanitaria assistenziale) allo stesso monsignor Semeraro, che poi visiterà anche i pazienti dell’Hospice.

Rientrati in Italia i giovani pellegrini di Albano

Si sono riempite di fede, emozioni, sensazioni, gesti e parole le valigie dei quattordici pellegrini della diocesi di Albano che, giovedì 31 gennaio, sono rientrati in Italia al termine della 34ª Giornata mondiale della gioventù a Panama, dopo un viaggio in Centroamerica, tra Costa Rica e appunto Panama, iniziato il 16 gennaio. Un’esperienza vissuta pienamente, tra le catechesi e le celebrazioni, tra festa e condivisione, attendendo e ascoltando papa Francesco, alla cerimonia di saluto, alla via Crucis, alla veglia e alla Messa finale: momenti condivisi con oltre 700mila giovani provenienti da tutto il mondo e 20mila volontari. Ad accompagnare i giovani della Chiesa di Albano in questo pellegrinaggio sono stati don Valerio Messina, direttore del Servizio diocesano di Pastorale giovanile, e don Kenneth Meneses, sacerdote della diocesi di Albano e originario della Costa Rica. «Il silenzio e la preghiera, vissuti pur essendo tantissimi – ha detto don Valerio Messina – ci dicono che i giovani sanno stare in ascolto del Signore e hanno voglia di parlare con Lui come un amico. Il canale di Panama, che unisce due mari diversi tra loro, ci richiama ad essere uomini e donne della relazione, capaci di costruire l’incontro nella diversità, e non costruttori di muri».

 

Il videosaluto dei nostri giovani da panama

La videointervista

Monastero invisibile febbraio 2019

Nel mese di febbraio la preghiera del Monastero invisibile è dedicata ai giovani, in continuità con la XXXIV Giornata mondiale della gioventù che si è svolta a Panama dal 22 al 27 gennaio, sul tema “Ecco la serva del Signore; avvenga per me seconda la Tua parola” (Lc1,38). A Panama il Papa ha invitato i giovani provenienti da tutti i continenti a scoprire la propria vocazione con la certezza che non li lascerà mai soli.

Incontro di formazione per le equipe degli uffici pastorali di curia

Un incontro di formazione sul tema “Come fare discernimento comunitario”, dedicato ai direttori e a tutte le equipe degli uffici pastorali della curia diocesana, è in programma per domenica 3 febbraio, dalle 16 alle 19, presso il seminario vescovile di Albano. Si tratta del primo appuntamento del genere per la diocesi di Albano e sarà guidato da padre Gaetano Piccolo, gesuita, professore di Metafisica nella facoltà di filosofia della Pontificia università gregoriana e già relatore, sul medesimo tema, nelle settimane residenziali di formazione del clero, negli scorsi mesi di agosto e settembre, a Vitorchiano. «La formazione e il confronto con i collaboratori degli uffici pastorali – ha detto monsignor Gualtiero Isacchi, vicario episcopale per la Pastorale – sono aspetti importanti per vivere la sinodalità nella nostra Chiesa di Albano. Questa, inoltre, sarà anche un’occasione per crescere in amicizia».

Secondo corso di legatoria artigianale al MuDi

Prenderà il via mercoledì 30 gennaio, e avrà durata di quattro mesi, il secondo corso di legatoria artigianale presso il Museo diocesano di Albano, tenuto dal mastro rilegatore Angelo Tetti, che da tredici anni ha un proprio laboratorio di legatoria e restauro ad Albano e ha restaurato molti testi dell’Archivio storico della diocesi.
Il corso – a numero chiuso e per il quale sono aperte le iscrizioni – si articolerà in quindici lezioni teorico-pratiche della durata di due ore (dalle 18 alle 20, ogni mercoledì), sia presso la sala delle vedute del Museo diocesano di Albano in via De Gasperi che presso il laboratorio dello stesso Angelo Tetti. Ci saranno sia lezioni teoriche, a carattere informativo, che attività pratiche. Durante il corso saranno realizzati numerosi progetti: si partirà da semplici quaderni per arrivare al confezionamento di libri veri e propri.
Tra gli argomenti trattati vi saranno cenni storici sulla legatoria, la scrittura e i metodi di stampa attraverso i secoli e informazioni sui vari tipi di rilegatura, mentre le attività pratiche prevedranno esercizi di cucitura con o senza telaio, preparazione dei cartoni e della carta, montaggio e realizzazione dei capitelli e varie tecniche quali la rasatura, la verniciatura dei tagli e la brossura, l’indorsatura, l’impaginazione e la formazione di fascicoli, la stampa e la rilegatura “in folio” e la realizzazione di vari tipi di copertine.
Info e costi: info@museodiocesanodialbano.it o 3339999883

XXIII giornata mondiale della Vita consacrata

Sabato 2 febbraio, festa della “Presentazione del Signore” e XXIII giornata mondiale della Vita consacrata, i consacrati e le consacrate della diocesi di Albano si incontreranno alle 17,30 presso il monastero delle Clarisse, in piazza Pia ad Albano e, dopo il rito della benedizione delle candele, presieduto dal vescovo Semeraro, sarà celebrata Messa in Cattedrale. «Sarà l’occasione – dice il vicario per la Vita consacrata, monsignor Umberto Galeassi – di rinnovamento e di verifica alla luce della Parola e della liturgia eucaristica».
In allegato, la lettera di monsignor Umberto Galeassi ai reverendi Superiori e reverende Superiore degli istituti religiosi diocesani.

Formazione per i Ministri straordinari della Comunione eucaristica

Domenica 27 gennaio, presso la sala teatro del Seminario vescovile “Pio XII” di Albano, è in calendario il secondo incontro diocesano dell’Anno pastorale per la formazione permanente dei Ministri straordinari della Comunione eucaristica. L’incontro inizierà alle 9,30 con la preghiera dell’Ora Media cui seguirà la riflessione guidata da don Franco Ponchia e un successivo confronto con i presenti. L’incontro si concluderà con la celebrazione eucaristica alle 12, presieduta da monsignor Adriano Gibellini, direttore dell’Ufficio Liturgico diocesano.
Il prossimo appuntamento per la formazione dei Ministri straordinari della Comunione eucaristica è in programma per domenica 28 aprile.
Tali Incontri si propongono di rafforzare quel dinamismo di fede operante nella carità che deve continuamente rinnovarsi in coloro che svolgono questo ministero di consolazione e speranza, mandato e profezia di una Chiesa in uscita, rivolto agli anziani, ai sofferenti e ai malati.

I giovani di Albano alla Gmg di Panama

Ha preso il via, per 14 tra giovani e accompagnatori della diocesi di Albano, l’esperienza di fede, incontro, preghiera e amicizia della Giornata mondiale della gioventù, in calendario a Panama dal 22 al 27 gennaio. La delegazione diocesana è partita oggi, mercoledì 16 gennaio, alla volta dell’arcidiocesi di San Josè, in Costa Rica, prima tappa del viaggio. Prima della partenza, lunedì 7 gennaio, i pellegrini della diocesi, guidati dal direttore del Servizio per la pastorale giovanile don Valerio Messina, hanno incontrato il in seminario il vescovo Marcello Semeraro, per un momento di riflessione e amicizia.
In Costa Rica, resteranno fino a domenica 20 gennaio, quando partiranno per Panama, dove sono attesi più di 200mila ragazzi e ragazze provenienti da 155 Paesi (gli italiani saranno circa 1300), compresi 1000 giovani indigeni dei cinque continenti che vivranno la loro Gmg, che poi confluirà in quella mondiale.
Da martedì 22 gennaio, i partecipanti alla Giornata mondiale della gioventù potranno vivere momenti di preghiera e incontro nel parco del perdono “Rinnovami”, pensato come una esperienza gioiosa e liberatoria che il pellegrino vivrà, percorrendo i passi che sono stati preparati per l’incontro con Gesù Cristo, attraverso il sacramento della misericordia, o nel centro delle vocazioni “Seguimi”. Dal 23 al 25 gennaio, ogni mattina è prevista una catechesi nelle parrocchie e nei centri di accoglienza, mentre nei pomeriggi ci saranno le iniziative culturali del festival della gioventù “Rallegrati”, uno spazio per lo scambio culturale gratuito e aperto al pubblico, con lo scopo di unire i giovani di tutto il mondo attraverso la condivisione dei loro talenti artistici, religiosi ed esperienze di fede e vita. Ogni artista potrà infatti esprimere la sua realtà, in una varietà di eventi artistici, musicali, teatrali, mostre d’arte, incontri e molto altro. Centrali e fondamentali, nel corso della Gmg saranno poi gli incontri con papa Francesco (atteso a Panama mercoledì 23 gennaio), a partire dal benvenuto che i giovani daranno al santo Padre giovedì 24 alle 17,30. Il giorno successivo è in programma la via crucis alle 17,30 presso il campo Santa Maria La Antigua, mentre sabato 26 gennaio alle 18,30 al campo San Giovanni Paolo II, Francesco presiederà la veglia, cuore della Gmg, e celebrerà la Messa alle 8 di domenica 27 gennaio.
Dopo una nuova tappa in Costa Rica, i giovani di Albano rientreranno in Italia giovedì 31 gennaio.

 

Materiale per l’animazione missionaria

Pubblichiamo in allegato la scheda di prenotazione del materiale per  l’animazione missionaria, a cura del Centro missionario diocesano, dei seguenti momenti:
– Il mese di Ottobre 2019 con la Giornata Missionaria Mondiale
– La Giornata Missionaria dei Ragazzi (06 gennaio 2020)
Tale scheda deve pervenire presso l’ufficio missionario cella diocesi di Albano, debitamente compilata, entro e non oltre il 28 gennaio 2019 all’indirizzo email missionario@diocesidialbano.it

«Uomini di un discernimento incarnato»

È stata pubblicata dalla casa editrice diocesana MiterThev la nuova lettera pastorale “Uomini di un discernimento incarnato. Lettera al Presbiterio diocesano con una testimonianza del vescovo emerito Dante Bernini” che il vescovo di Albano, Marcello Semeraro ha consegnato al presbiterio diocesano.
«La realtà del discernimento – scrive Semeraro – non si pone come la risoluzione di un problema, bensì come un aiuto e un accompagnamento in quel «cercare e trovare la volontà divina nell’organizzare la propria vita per la salvezza dell’anima» (EsSp 1, 4). Si tratta, a ben vedere, del fine della stessa vita cristiana. Alla luce di ciò, il discernimento non può affatto essere concepito come un singolo atto, come un’azione isolata, bensì come un filo conduttore che collega i singoli atti e le diverse scelte della propria vita». Il sacerdote, continua il vescovo di Albano, è dunque un “uomo del discernimento”: «Questo – scrive Semeraro – può significare per lui senz’altro avere la missione, il compito e la responsabilità di prendersi cura del popolo di Dio, aiutando i credenti a maturare nell’arte del discernere, sì da essere capaci di giudicare per la propria vita, per quella della comunità e per la storia discernendo i segni dei tempi».
La lettera pastorale si pone in continuità con il tema del discernimento su cui è impegnata da anni la pastorale della Chiesa di Albano e con le ultime due lettere rivolte al presbiterio diocesano “Custodiamo il nostro desiderio” e “In Te la sorgente della vita”.
In allegato, pubblichiamo l’indice della lettera pastorale “Uomini di un discernimento incarnato”.